Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2011

Roma, 28 giu – In occasione dei primi trent’anni di presenza in Cina, Intesa Sanpaolo ha intrapreso una missione istituzionale a Pechino guidata dal Consigliere Delegato e CEO Corrado Passera.
Nell’ambito di alcuni incontri istituzionali Corrado Passera, con il direttore generale e responsabile della divisione Corporate & Investment Banking Gaetano Miccichè, sono stati ricevuti da Jiang Yaoping, il Viceministro del Commercio Cinese illustrando i programmi e le strategie del Gruppo in Cina e nel Far East. Successivamente ha avuto una serie di incontri con esponenti della comunità finanziariacinese e internazionale all`Ambasciata Italiana e all`Istituto italiano di Cultura. Nell`ambito del crescente impegno del Gruppo Intesa Sanpaolo per il mondo del terzo settore ha visitato Wokai, ONG dedicata al microcredito, approfondendo temi di reciproco interesse.

Corrado Passera ha inoltre tenuto una lectio magistralis presso la Peking University dal titolo “Learning from the crisis: how to achieve sustainable growth in an interconnected multipolar world” in presenza di oltre 200 fra docenti, studenti ed esponenti della comunita` finanziaria.
“La recente crisi finanziaria ed economica ci ha consentito di trarre alcuni importanti insegnamenti, ha spiegato Corrado Passera agli studenti. “La storia di questi ultimi anni ha una volta ancora confermato quanto le buone regole siano importanti e quanto possano fare la differenza: in primo luogo, infatti, la crisi è il risultato dell’assenza, della scarsa qualità e dell’inadeguatezza delle regole e dei controlli”, ha proseguito. “In secondo luogo, ha confermato che era giusto mettere in discussione molte delle convinzioni sul funzionamento dei mercati finnanziari e sui comportamenti economici. Infine, la governance globale e il coordinamento fra i grandi paesi si sono rivelati particolarmente efficaci nell`evitare una nuova Grande Depressione e nella progettazione della nuova architettura di regolamentazione internazionale”.
“In Europa e soprattutto in Italia dobbiamo ridare slancio a una fase di crescita sostenuta, per creare nuovi posti di lavoro, e sostenibile sul piano finanziario, sociale e ambientale. Per fare questo abbiamo bisogno di potenziare tutti i quattro motori della crescita: la competitività delle imprese, l’efficienza del sistema paese, il dinamismo e la coesione sociale. La crisi ci ha infatti insegnato che se questi quattro motori non funzionano in maniera integrata, la forza propulsiva di essi è condizionata e non può produrre crescita sostenuta e sostenibile. La costruzione, il funzionamento efficace e la manutenzione dei quattro motori della crescita sostenibile è una misura importante della classe dirigente. Le banche dell’economia reale come Intesa Sanpaolo sono massimamente impegnate”.

“Inoltre, ha concluso, “la crescita sostenuta e sostenibile necessaria all’Italia, all’Europa e al mondo intero non può essere misurata solo con parametri tradizionali come il PIL. Sarebbe utile aggiungere ai dati del PIL un indicatore di crescita dell’occupazione come secondo indicatore di performance di tutti i paesi riconosciuto a livello internazionale. La creazione di occupazione è così importante e così tante variabili importanti dipendono dalla capacità di rilanciare le opportunità di lavoro, che l’introduzione di un metaindicatore sarebbe un grande passo in avanti e una chiara responsabilizzazione e criterio di valutazione”.

Fonte: fwww.finanza.repubblica.it

 

Read Full Post »

Cinque giorni di festa per il cinema breve, a Roma, dal 20 al 24 giugno alla multisala Intrastevere.
E’ la Cina l’ospite d’onore di quest’anno ad Arcipelago, il Festival Internazionale di cortometraggi e nuove immagini, giunto alla XIX edizione che si svolgerà alla Multisala Intrastevere dal 20 al 24 giugno. Cinque giorni in cui, oltre ai lavori studenteschi di Zhang Yimou e Tian Zhuanzhuang (in anteprima in italiana per celebrare l’Anno Culturale della Cina) si vedranno anche i lavori di Guillermo Arriaga, Spike Jonze, Lou Reed, Franca Valeri, Valeria Golino, Valeria Solarino, e Dante Ferretti. Un’edizione di lusso, questa di Arcipelago, che non mancherà di omaggiare “in breve” i 150 anni dell’Unità d’Italia, con due percorsi che uniscono Roberto Rossellini e gli eroi di Emilio Salgari, il cinema e la letteratura, la Storia e l’avventura.

Nell’Anno culturale della Cina in Italia, il Festival punta i riflettori sulla più prestigiosa scuola cinese di cinema, culla della “Quinta Generazione” di registi cinesi, con la retrospettiva Omaggio alla Beijing Film Academy. Due generazioni di cineasti a confronto (1980/2010). Una “sfida” che attraverso il “cinema breve” racconta le enormi trasformazioni socio–economiche e culturali vissute dalla Cina in questi ultimi trent’anni.
A Stefano Sollima (sezione Outsiders), il regista delle due fortunate stagioni di Romanzo Criminale – La serie, oggi al suo debutto sul grande schermo con il lungometraggio A.C.A.B., Arcipelago dedica una mini–personale, riproponendo i suoi corti d’esordio Grazie! e Ipocrites, seguiti da Sotto le unghie (in concorso a Cannes nel 1993) e Zippo (selezionato a Venezia dieci anni più tardi).

L’esordio alla regia della rockstar Lou Reed verrà celebrato con l’evento speciale Shot On The Wild Side: verranno proiettati il documentario Red Shirley (Foto n. 2) e il corto di culto Scenes from the Suburbs, in cui il regista Spike Jonze (Essere John Malkovich) si cimenta, assieme alla rockband indie Arcade Fire, in una storia adolescenziale ispirata al loro acclamato album The Suburbs e ai temi che lo attraversano: la guerra e il diventare adulti in periferia.
Roberto Rossellini: Viaggio in Italia (unita) e Patrioti e pirati: eroi da un altro mondo costituiscono l’ossatura dell’evento speciale Piccolo Corto Antico. 150 Anni in 200 minuti. In collaborazione con Fuori orario, il Festival recupera il documentario “dimenticato” di Roberto Rossellini Torino nei cent’anni (1961), e “rilancia” con Schegge d’Italia unita secondo Roberto Rossellini, realizzato ad hoc per Arcipelago da Ciro Giorgini.

Le suggestioni avventurose, esotiche e terzomondiste del nostro Risorgimento emergono dall’intreccio tra i romanzi di Emilio Salgari, ripercorsi dal documentario Capitan Salgari di Marco Serrecchia e da Salgari della nostra infanzia di Corrado Farina, e poi nell’incontro immaginario con il Che in Garibaldi vs Che Guevara di Maria Guarnaccia Molho, presentato a Locarno nel 2007 e interpretato da Paolo Briguglia. Ma Arcipelago punta gran parte delle sue energie sulle sezioni competitive.
Con lo spietato El pozo, Guilliermo Arriaga – regista di The Burning Plain – è tra i registi in gara in The Short Planet, che vede sfidarsi 24 corti provenienti da tutto il mondo. In gara anche l’italiano Leonardo Guerra Seràgnoli con il suo corto americano Rachel, il tunisino Yussef Chebbi con il drammatico Lel chamel, sullo human trafficking, e il 3D antinucleare Chernokids (Foto n. 3), prodotto dalla rinomata scuola francese d’animazione Supinfocom.

Neri Marcorè e Sonia Bergamasco sono in gara con Vicinanza (Foto n. 4) di Stefania Orsola Garello nella sezione Con/Corto, storica ribalta per i migliori talenti esordienti. Dal Centro Sperimentale di Cinematografia arrivano poi L’estate che non viene di Pasquale Marino (già in concorso all’ultimo Festival di Cannes), Il cuore in tasca di Michele Vannucci e lo sconcertante Il pederasta di Andrea Fasciani. Fuori concorso Niente orchidee dei fratelli Godano, con Beppe Fiorello e Valeria Solarino.

Franca Valeri sarà ospite al Festival il 21 giugno per raccontare la sua vita, la sua arte d’attrice, d’autrice e di regista nell’omonimo documentario di Mietta Albertini presentato in concorso in Extra Large, la sezione dedicata ai documentari nazionali. Altri due grandi artisti italiani di fama faranno capolino dallo schermo: Ennio Flaiano narrato da Giancarlo Rolandi/Steve Della Casa in Flaiano, il meglio è passato e Dante Ferretti protagonista di Dante Ferretti: scenografo italiano di Gianfranco Giagni. Da segnalare anche Il valzer dello Zecchino – Storia d’Italia in tre tempi di Vito Palmieri: un curioso “dietro le quinte” del famoso fastival canoro dedicato ai piccoli talenti.

Con Armandino e il Madre (Foto n. 5) – prodotto da Riccardo Scamarcio – l’opera prima di Valeria Golino, Nastro d’Argento come Miglior Regista esordiente, è tra i protagonisti di Itinerari, panoramica non competitiva che raccoglie il meglio dell’ultima produzione nostrana. Qui si potranno rivedere il corto premiato con il David Di Donatello Jody delle giostre di Adriano Sforzi e il Nastro d’Argento come Miglior Attore Protagonista Nicola Nocella, in Omero bello–di–nonna di Marco Chiarini (regista de L’uomo fiammifero), oltre al Roberto Herlitzka ossessionato da passioni senili di Cose naturali di Germano Maccioni.
Per il programma completo della rassegna consultare il sito
Info: 06.39388262

Links correlati: www.arcipelagofilmfestival.org

Read Full Post »