Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for dicembre 2010

Yang Tianyang il direttore delle comunicazioni di Microsoft per la Cina, oggi ha confermato l’arrivo di Windows Phone 7 per il mercato cinese per il secondo semestre del 2011.

L’annuncio è abbastanza importante, il mercato cinese è ovviamente molto grande, vanta 62 milioni di smartphone venduti nel 2010 e potrebbe essere una grossa opportunità per Microsoft investire in questo mercato.
Il vecchio Windows Mobile ha avuto in passato un grande successo nel

mercato cinese, Micosoft vuole ripetere l’impresa, le voci parlano di accordi con Lenovo, ZTE e Huawei per costruire terminali dotati di Windows Phone adatti per il mercato cinese, terminali che molto difficilmente vedremo nel mercato Europeo ma che potrebbero incentivare il successo di Windows Phone 7.

Fonte: www.plaffo.com

Read Full Post »

Scoperta dagli archeologi in una tomba trovata durante i lavori per l’ampliamento dell’aeroporto di Xian, la città famosa per il ritrovamento dell’esercito di terracotta. Nella sepoltura anche un recipiente con un liquido inodore: per gli scienziati potrebbe essere vino.

Una zuppa stagionata per due millenni e mezzo non poteva che saltar fuori in Cina, Paese che già vanta, tra le specialità culinarie, prelibatezze ardite per i palati occidentali, come le «uova centenarie», lasciate a fermentare per mesi prima di essere servite. La zuppa in questione, però, è una straordinaria scoperta archeologica.
È stata dissotterrata, racconta il quotidiano cinese Global Times durante i lavori di ampliamento dell’aeroporto internazionale di Xianyang a Xian, città della provincia di Shaanxi celebre per un altro ritrovamento archeologico, l’Esercito di terracotta dell’imperatore Qin Shi Huang. La zuppa, vecchia di 2.400 anni, era all’interno di una pentola in bronzo a tre piedi, alta una ventina di centimetri e sigillata, parte del corredo di una tomba: si tratta di un liquido verdastro – colore che secondo gli archeologi sarebbe dovuto all’ossidazione del metallo – nel quale sono immerse alcune ossa. In un altro contenitore in bronzo è stato inoltre rinvenuto quasi un litro di un liquido inodore e semitrasparente che potrebbe essere vino.
Il «pranzo» d’epoca è ora al vaglio di specialisti che dovranno identificarne gli ingredienti. Al quotidiano cinese un archeologo del team che ha rinvenuto il calderone, Liu Daiyun, ha dichiarato che «si tratta della prima scoperta di una zuppa d’ossa nella storia dell’archeologia cinese», e che il ritrovamento potrebbe permettere di comprendere meglio «le abitudini alimentari nel periodo dei Regni combattenti», poiché la tomba potrebbe appartenere a un militare di basso rango di quell’epoca.
Decisamente più prudente il vicepreside della scuola di Archeologia di Pechino, Zhao Huacheng, che invita ad attendere i risultati dei test, poiché il liquido potrebbe essersi infiltrato nel contenitore dall’esterno.
La «zuppa» di Xian è solo l’ultima proposta di un «menu archeologico» che negli ultimi mesi ha visto la Cina protagonista. Sempre nella provincia di Shaanxi nel 2002 è stata ritrovata una «dispensa» di frutta, che conteneva centinaia di semi di albicocche, meloni e prugne, risultati vecchi di 3000 anni con la datazione al carbonio 14. E a ottobre scorso il Journal of Archaeological Science ha pubblicato uno studio sulle sepolture della necropoli di Subeixi, nello Xinjiang, risalenti a circa 2.500 anni fa. Accanto a mummie dalle fattezze più europee che orientali, gli archeologi hanno ritrovato, quasi intatto, anche il loro pranzo: noodles e focacce di miglio.

Fonte: www.ilgiornale.it

Read Full Post »

leggi l’articolo:

Ilsole24ore – 29 novembre 2010

Read Full Post »

Roma, 1 dic – Per la prima volta, i più prestigiosi brand della moda e del lusso a livello internazionale saranno ufficialmente disponibili online anche per i clienti cinesi, attraverso una piattaforma tecnologica completamente localizzata e un centro logistico di ultima generazione in Cina, entrambi messi a punto da YOOX Group. Il Gruppo, si legge in una nota, consolida così la propria posizione di partner globale di Internet retail per i principali brand della moda.
La strategia di YOOX Group in Cina consiste nell’estendere a questo mercato alcune delle attuali partnership con prestigiosi marchi della moda e del lusso, gestendo così anche in Cina i loro Online Store mono-brand. L’Online Store di Emporio Armani, emporioarmani.cn, attivo dallo scorso 26 novembre, è il primo ad essere “Powered by YOOX Group” in Cina. A partire dalla prima metà del 2011, è previsto il lancio di altri Online Store “Powered by YOOX Group”, che saranno i canali retail online ufficiali dei brand, dove i clienti cinesi potranno acquistare le ultime collezioni.
Nella seconda metà del 2011, YOOX Group intende lanciare in Cina anche la propria boutique online multi-brand, thecorner.com. Già affermatasi negli Stati Uniti e in Europa, thecorner.com offrirà in Cina una selezione non solo di abbigliamento, scarpe e accessori per uomo e donna di designer cutting-edge, ma anche di importanti marchi del lusso. thecorner.com è un retail concept innovativo: una piattaforma creativa dove, grazie a mini-store dedicati, ogni marchio presenta le sue ultime collezioni attraverso esclusivi contenuti multimediali quali servizi fotografici, video e fashion film realizzati da alcune delle menti creative più all’avanguardia sulla scena internazionale, permettendo così ai clienti di vivere appieno il mondo dei designer e le loro ispirazioni. In Cina, inoltre, thecorner.com offrirà ai partner mono-brand un’ulteriore “vetrina” dove poter presentare e vendere gli stessi prodotti disponibili anche nei propri Online Store mono-brand.
Secondo le stime di Forrester Research, la Cina è il più grande mercato al mondo per numero di utenti Internet; ha già superato gli Stati Uniti diventando il secondo paese al mondo per consumo di beni di lusso, seconda solo al Giappone. YOOX Group si posiziona esattamente nel punto di convergenza tra questi due settori ad elevata crescita e si aspetta che la Cina diventi uno dei suoi primi 3 mercati tra 5 anni.

Fonte: http://finanza.repubblica.it

Read Full Post »