Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2008

By Zhou Bajun (China Daily)

The Shenzhen Special Economic Zone, which borders on Hong Kong, has been juggling a big question since the late 1980s: How to handle the zone’s relationship with Hong Kong?

The government of the special economic zone was once torn between different options.
People have occasionally entertained the idea of getting closer to Hong Kong while distancing the zone from the localities on the mainland. At other times, however, they have leaned toward the notion of competing with Hong Kong. For example, some have gone so far as to draw up plans to expand Shenzhen’s territory inland to increase its physical power to compete with Hong Kong.
Such debates raged right up until the beginning of the period of the 11th Five-Year Plan (2006-10), when the Shenzhen government finally came to a decision – to cooperate with Hong Kong in an all-around way and accommodate the latter’s needs in order to achieve common development and the integration of the two economies.
Shenzhen’s unique resources and institutional factors dictated the municipal government’s strategic choice.
Shenzhen occupies what was once Bao’an County, before the reform and opening-up of the late 1970s. The county had a population of barely 30,000 people, many of whom made a living fishing.
In May 1980, the central government decided to set up the “special economic zone” of Shenzhen.
There were many reasons to set up the Shenzhen Special Economic Zone: to take advantage of its geographical proximity to Hong Kong, to learn from Hong Kong’s market-economy expertise, to absorb capital from Hong Kong and other parts of the world.

The preferential policies granted to Shenzhen by the central government eventually translated into institutional advantages over other localities on the mainland and, in turn, into resource advantages. This was the root cause of Shenzhen’s dazzling development in the first decade after its founding. But the special economic zone’s small space – it occupies a mere 396 sq km – arrested its further development. So some people came up with the idea of totally opening Shenzhen’s borders to Hong Kong, while retaining control over the inner city. In this way, they hoped to make still better use of the institutional advantages of Hong Kong as a market economy and also to “magnify” Shenzhen’s limited land space. Of course, this was mainly wishful thinking, because the borders could not be totally opened while Hong Kong was still under British rule.
In early 1992, Deng Xiaoping, the chief architect of China’s reform and opening-up, toured the country’s southern coastal areas and made some important speeches on economic reform. That year, the 14th National Congress of the Communist Party of China made it clear that the goal of China’s economic reform was to build a socialist market economy.

Now that the reform has taken hold and the mainland opened to the rest of the world in an all-around way, the institutional advantages enjoyed by the Shenzhen Special Economic Zone have faded a bit. In response, Shenzhen started looking beyond the narrow special economic zone at the city’s 1,952.8 sq km of land.
In its efforts to increase Shenzhen’s economy, the city government has said time and again that the city should do its best to accommodate the needs of Hong Kong, reinforce its cooperation with the special administrative region and enhance Shenzhen’s declining institutional superiority over other localities on the mainland.
Over the years, the driving force that powered Shenzhen’s economic development has been the reform of the economic system. Between 1980 and 1985, for example, Shenzhen pioneered the reforms of the capital-construction, pricing, finance and investment and wages and employment systems. On July 8, 1985, the mainland’s first shares of stock since 1949 were issued by the Bao’an County United Investment Corp. That same year, the mainland’s first foreign-exchange redistribution center was set up in Shenzhen. Shenzhen, in its economic reform, has been drawing upon the experiences of Hong Kong and studying its mechanisms as a successful market economy. When the Shenzhen Stock Exchange was being established, many Hong Kong experts were taken on as advisors.
How to retain Shenzhen’s institutional advantages over other mainland localities since China’s reform and opening-up are making big advances? This question has been at the top of the Shenzhen government’s agenda over the years.
In 2003, the city government attempted to usher in the reform of separating government functions. This meant that government organizations would be reorganized along the lines of decision-making, executive and supervisory bodies. The experiences of Britain, the United States, Singapore and the Hong Kong Special Administrative Region were used as references.

Although the separation of powers is stalled for various reasons, this author believes that the pilot reform project will be kicked off in Shenzhen. Political infrastructure reform is moving ahead on the mainland, and the cooperation between Shenzhen and Hong Kong is getting increasingly closer.
Funds from Hong Kong have always claimed the lion’s share of overseas investment in Shenzhen. By 2004, for instance, more than 10,000 Hong Kong corporations had made investments in Shenzhen, and the total investment volume had reached $35 billion, representing 67.5 percent of Shenzhen’s overseas investment.
In view of this, further expanding Shenzhen-Hong Kong all-around cooperation will facilitate the two economies’ ability to optimally allocate resources. The author is a senior research fellow with China Everbright Group
China Daily 08/29/2007

Read Full Post »

Nei consigli d’amministrazione delle imprese impazza un’irresistibile attrazione per le giurisdizioni “franche”



I paradisi fiscali, soprattutto quelli caraibici, rappresentano oramai la meta preferita dalle grandi imprese emergenti dell’industria cinese. Secondo i dati che sarebbero in possesso del ministero del Commercio, infatti, potrebbero essere già oltre 10mila le aziende cinesi registrate
nei numerosi centri finanziari offshore che dominano l’economia dei piccoli Stati indipendenti dei Caraibi.
Le ragioni del boom delle destinazioni offshore. Per i responsabili economici di Pechino si tratta di un trend piuttosto recente, che trae origine da diversi fattori. In primo luogo, l’arretratezza e la complessità della normativa nazionale che di fatto costituiscono un ostacolo insormontabile per le giovani e dinamiche imprese che desiderano sfruttare le risorse e le opportunità offerte dai
mercati azionari internazionali. Naturalmente, non si tratta soltanto di una questione di regole. Infatti, un gran numero di dirigenti e di funzionari pubblici cinesi hanno beneficiato della collocazione di grandi gruppi industriali presso giurisdizioni offshore per garantirsi il controllo illegale di ingenti patrimoni che, in realtà, sono di proprietà pubblica. La pratica, piuttosto comune, trae origine da un nodo di fondo della normativa cinese tutt’ora irrisolto, ovvero, la distinzione per nulla agevole tra sfera pubblica e privata sia in relazione agli interessi che ai ruoli svolti dai singoli soggetti.

Tale precarietà normativa ha favorito negli ultimi anni il fiorire di distorsioni legislative e di cattive pratiche amministrative in ogni ambito e settore della società e dell’economia cinesi. Il trend svelato da un’innocua statistica. L’irresistibile e improvvisa attrazione per le sedi offshore che impazza nei consigli d’amministrazione delle aziende cinesi è stata tradita da una semplice tavola statistica. Infatti, le moltitudini numeriche che ogni anno disegnano in maniera minuziosa il tracciato esatto dei
capitali esteri che alimentano il boom dell’economia cinese ha rivelato, a sorpresa, che una quota significativa degli investimenti esteri diretti che sbarcano a Pechino, circa il 20 per cento, hanno una provenienza piuttosto insolita, ovvero, noti paradisi fiscali, in particolare, caraibici.
Per esempio, dalle Isole Cayman ogni anno giungono a Pechino quasi 2 miliardi di dollari in Foreign Direct Investment (Fdi), mentre una quota di poco inferiore arriva dalle British Virgin Islands. Somme troppo consistenti per rappresentare una mera casualità economica, oppure, una delle numerose incongruenze commerciali che caratterizzano i flussi del mercato globale. E’ stata sufficiente una breve ricognizione dei responsabili economici di Pechino per tracciare la mappa del nuovo fenomeno che seduce e attrae il pianeta delle aziende cinesi.

La migrazione verso l’offshore? Forse più un bene che un male Secondo alcuni analisti ed esperti del mercato cinese, la moda dell’offshore indicherebbe che una parte almeno del settore produttivo
cinese ha oramai acquisito una solida conoscenza ed esperienza delle regole del sistema finanziario internazionale ed è quindi pronta per competere su scala globale con i maggiori colossi mondiali. La recente migrazione verso i paradisi fiscali rivelerebbe quindi una maggiore disponibilità da parte della Corporate-China a integrarsi con l’economia internazionale, sacrificando, ma soltanto in parte, la straordinaria rendita di posizione di cui ha saputo abilmente far uso nell’ultimadecade. Naturalmente, le opinioni su tale tema sono variegate e non sempre concordano. Infatti, non sono in pochi a criticare aspramente il ricorso ai paradisi fiscali da parte delle aziende cinesi che, alla fine, oltre a destabilizzare il mercato globale abbinando la protezione garantita dalla chiusura della legislazione nazionale alle condizioni particolari dell’attuale stadio di sviluppo dell’economia interna ora, tramite il ricorso alle giurisdizioni offshore, potranno beneficiare di un’ulteriore raffica di vantaggi sia fiscali che finanziari che, nel breve periodo, potrebbero renderle davvero insuperabili sul piano della competizione che si basa sui costi e sui listini.
Stefano Latini

 

Read Full Post »

A social revolution will soon transform China, and multinationals that do business there can’t afford to ignore it. So far, they have mostly focused on the country’s tiny minority of urban-affluent consumers. But as more Chinese migrate to the cities for higher-paying work, they are steadily climbing the income ladder. By 2011, McKinsey research suggests, China should have a lower middle class of 290 million people; by 2025, the upper middle class will be 520 million strong, with staggering disposable wealth. For many multinationals, this is the market of the future.

Multinational companies should remember that as incomes rise, spending patterns change: food and other necessities account for a smaller proportion of household budgets, discretionary expenses such as recreation for a larger one. Meanwhile, however, tomorrow’s middle-class consumers are today’s relatively poor urban workers. By serving them now, a company can gain the experience needed to stay in the game as their incomes and tastes evolve. For more on the country’s changing consumer segments, read “The value of China’s emerging middle class” (2006 Special Edition: Serving the new Chinese consumer).

Copyright The McKinsey Quarterly

Read Full Post »

27 Maggio 2008


BOLOGNA: 8DOORS web tv è un contenitore di filmati sul patrimonio artistico, culturale, enogastronomico, naturalistico dell’Italia, nonché una vetrina per tutti quei marchi e quelle aziende di qualità, capaci di produrre l’innovazione e l’eleganza del made in Italy. “8 porte” (8doors) per una duplice ragione: perché in Cina è un’usanza millenaria collocare immagini di divinità protettrici all’esterno della porta di casa e perché la parola “porta” richiama, anche negli ideogrammi cinesi, la parola “portale”, ovvero accesso al mondo tramite il web. Le 8 porte rimandano ad altrettanti argomenti di interesse che classificano i contenuti della web tv: viaggi d’affari – città e luoghi d’arte – località di mare e isole – località montane e laghi – percorsi eno-gastronomici – made in Italy e antiquariato – parchi a tema e festival – percorsi naturalistici e spirituali

Grazie ad elevati tassi di sviluppo economico, un numero sempre crescente di cinesi desidera viaggiare all’estero. L’Organizzazione Mondiale del Turismo prevede che entro 15 anni almeno 100 milioni di cinesi con una capacità di spesa simile all’attuale media europea visiteranno altri paesi. L’Italia è uno dei protagonisti indiscussi della scena europea: si stima che la “nicchia” di potenziali visitatori cinesi interessati al nostro Paese per affari o turismo sia equivalente all’intera popolazione italiana. Tuttavia, l’immagine dell’Italia in Cina è ancora legata a pochi marchi internazionali e alla visibilità delle principali città come Roma, Firenze, Venezia e Milano. Fino ad oggi, inoltre, non esisteva un unico portale in lingua cinese focalizzato su mete, culture, prodotti, regioni italiane. Le chances di intercettare la nuova classe media cinese, desiderosa di viaggiare, vanno quindi implementate per far conoscere il nostro Paese e le sue molteplici opportunità, attraverso una vetrina facilmente fruibile per tutti i soggetti coinvolti ed interessati al flusso di visitatori in arrivo dalla Cina.
8DOORS web tv nasce in una delle regioni più attente ai fenomeni emergenti, con la collaborazione di importanti partners nei settori del turismo e dell’imprenditoria. Un nuovo modello di web tv che offer informazioni pratiche e turistiche, e si propone come veicolo di comunicazione in lingua cinese per aziende, Enti di promozione turistica, consorzi, fondazioni, fiere, etc.
Secondo il principio per cui non si desidera ciò che non si incontra, l’idea portante della
web tv è accrescere la conoscenza e stimolare la curiosità del pubblico cinese verso il nostro Paese. A differenza di un tradizionale sito turistico, una web tv tematica non richiede un grande sforzo di lettura e traduzione, ma si avvale dell’ immediatezza delle immagini, molto più evocative e rassicuranti di un testo scritto. Una web tv inoltre può godere di fatto di un’ottima visibilità in Cina, dove la televisione generalista presenta grossi vincoli di accesso, spazi ridotti nei palinsesti e costi assai più elevati per tutti i soggetti che volessero pianificare la loro visibilità. Occorre tenere presente che ancora oggi molti cinesi non conoscono la lingua inglese, e anche quando la conoscono tendono a diffidarne: la sostituzione di testi scritti con il video semplifica il lavoro di messa in rete dei filmati e la loro
fruibilità. A questo scopo, i filmati di 8DOORS web tv sono introdotti, intervallati e coadiuvati da presentatori cinesi, i cui contributi sono realizzati ad hoc allo scopo di fornire “chiavi di interpretazione” ad un pubblico che si affaccia al nostro Paese senza conoscerne le peculiarità.

8DOORS web tv è online nella sua versione di prova e attualmente in fase di indicizzazione sui motori di ricerca. Attraverso la rilevazione e l’analisi delle visite possiamo già avere un panorama incoraggiante circa la visibilità del sito, i cui accessi hanno una percentuale di crescita mensile del 75%. In previsione si conta di raggiungere l’accesso di un milione di visitatori unici assoluti al mese entro il 2009.
Si tratta di accessi di qualità poiché provengono prevalentemente dalle zone urbane della Cina, in cui si concentra la fascia medio-alta di popolazione, con standard economici e capacità di spesa equiparabili alla media europea; una fascia compresa tra i 25 e i 45 anni, che predilige nettamente l’informazione online alla carta stampata e alla tv tradizionale. Questi dati dimostrano che chi accede al sito è realmente interessato a visitare l’Italia. Si registrano anche numerosi accessi di utenti che parlano cinese ma vivono in altri Paesi del mondo.

8DOORS web tv, oltre a servizi di informazione turistica, culturale e di costume, offre la possibilità alle imprese di farsi conoscere attraverso un formato redazionale assolutamente inedito. Non è infatti per ora prevista pubblicità tradizionale, né banner di alcun genere. Quella che si offre alle aziende è la possibilità di inserire con ampia visibilità sul sito filmati realizzati ex-novo dalle nostre troupe specializzate in format per il web, oppure riadattati e tradotti a partire dai materiali messi a disposizione dal committente. Ad ogni filmato è collegato il logo dell’azienda per accedere velocemente al link specifico. Questo dà un valore informativo aggiunto all’utente e un servizio in più al committente.
8DOORS web tv nasce dalla collaborazione tra Ethnos, affermata casa di produzioni televisive bolognese, e la giornalista Beba Gabanelli. Un’idea, un’intuizione, un progetto creativo e imprenditoriale che raccoglie sempre più consensi e adesioni. I nostri partner provengono da diverse aree produttive: Videobank, service provider, La Lumaca-Organizzazione Viaggi, Collegio di Cina dell’Università di Bologna e Cofimp, scuola di gestione di impresa di Unindustria Bologna. Il progetto gode inoltre del Patrocinio dell’Istituto Italiano di Cultura di Pechino

da Corriere Asia

Link Correlati:
8Doors Web tv – http://www.8doors.tv

Read Full Post »

di Piero Formica
 
 
Possiamo trarre benefici dallo slittamento verso il continente asiatico del centro di gravità dell’innovazione? “L’atlante delle idee” redatto dalla Demos, un influente think tank inglese, aiuta nella scelta dei percorsi da seguire. L’approccio indiano all’innovazione  è cosmopolita. Non c’è in India niente di assimilabile alla nostra idea di fare sistema per l’innovazione. Gli imprenditori indiani hanno buoni motivi per dubitare della loro pesante burocrazia pubblica che mettendo il cappello sulla costruzione del sistema innovazione finirebbe col plasmare un corpo di leggi, norme e procedure tali da soffocare l’innovazione già  nella culla. Dubbi che sarebbe bene coltivare anche in casa nostra. Ciò che in India conta è la circolazione dei talenti, i flussi e le reti globali d’innovazione che vedono protagonisti imprese come Infosys, il gigante dei servizi di software.

Sono imprese che prosperano grazie alle connessioni con i leader imprenditoriali del mondo occidentale piuttosto che investendo molto nella ricerca. Infoysis vi dedica meno dell’1 per cento delle vendite. Ecco dunque un primo percorso: entrare nella circolazione dei talenti, navigare nei flussi d’innovazione, agganciarsi alle reti globali per rintracciare opportunità  di business altrimenti non esplorabili nè praticabili. La percorribilità  dipende dalla capacità delle nostre imprese, prevalentemente di piccole e medie dimensioni, di connettersi alle reti lunghe e ai nodi degli scambi internazionali che sono intrecciati dalle imprese integrate globalmente. Se ben connessa, la piccola impresa è grande indipendentemente dal numero degli addetti e dal fatturato. Se isolata, è piccola anche se grande secondo i parametri consueti.
Il tecno-nazionalismo cinese è uno scenario affatto diverso dal precedente. Qui il percorso è tracciato dal prestigio nazionale. La Cina vuole creare i suoi campioni imprenditoriali traendo valori commerciali dalle scoperte scientifiche e dalle ricerche nei laboratori delle università. La cultura della start-up alla maniera della Silicon Valley non essendo ancora attecchita, il terreno è vergine per l’incontro tra due civiltà  millenarie. Un incontro che dovrebbe avvenire all’insegna dei nuovi paradigmi scientifici che abbattono le barriere tra bio, nano e info scienze. Un incontro che potrebbe essere propiziato dalla collaborazione tra i nostri giovani ricercatori ed i loro colleghi cinesi per dar vita ad imprese ad alta crescita e internazionali sin dalla nascita. Certo, per l’Italia questo è un percorso del tutto inedito e accidentato. Manca nelle nostre università  e nei centri di ricerca la cultura del fare impresa.

Pochi i nostri investitori disposti a partecipare a un parto tanto travagliato quanto lo è quello della nascita di un’impresa, per giunta se innovativa e internazionale. Eppure, mancare all’appuntamento vorrebbe dire restare fuori dai giochi dell’economia imprenditoriale programmati dal tecno-nazionalismo cinese. Ma chi in Italia vorrà  e potrà  mai tagliare con la spada i nodi gordiani dell’università , della ricerca e della finanza?
Diversamente dall’India che punta sulle reti sociali senza frontiere e sul settore privato e dalla Cina in cui la mano pubblica sta al centro degli sforzi d’innovazione, il terzo attore asiatico, la Corea del Sud, vede protagonisti dell’innovazione i grandi conglomerati (le chaebol) e le città della scienza sponsorizzate dal governo. Tra queste, Deadok Innopolis con 53 centri di ricerca e più di 6 mila superlaureati.

Chaebol molto forti che alzano barriere all’ingresso di nuovi entranti e piccole imprese molto deboli fanno della Corea un gigante con i piedi d’argilla. Popolato da incombenti nazionali così tetragoni, il percorso coreano è forse il più ostico da battere. Qui paghiamo lo scotto di aver poco, distrattamente e male coltivato la crescita delle nostre piccole imprese. Sul terreno coreano poco può la cinquecento italiana del “piccolo è bello” contro le locomotive industriali di altri paesi europei. Basta guardare alla Svezia che, trainata da AstraZeneca, Alfa Laval Sony Ericsson, Sab, Abb, Electrolux, Scania, Volvo, Ikea, H&M, Skandia e altri grandi gruppi ancora, ha molto più potenza di noi da spendere lungo quel faticosissimo tracciato.
da www.denaro.it del 19-06-2008 num. 117

Read Full Post »

La Cina come pericolo

A.       Le reqole del buon investimento
Nell’affrontare   la   realizzazione   di   un   progetto   d’investimento    in   Cina   è inevitabile   che   si   debbano   adottare   tutti   gli   accorgimenti   generalmente necessari per attuare un investimento analogo  in qualsiasi altro luogo.

Seppure  questa  considerazione  possa  sembrare  a  prima  vista  banale,  in  realtà non è così.
Risulta infatti estremamente  importante procedere con  un’analisi  preliminare di fattibilità  ancora in Italia e volta  a:

l.       individuare in  modo chiaro gli obiettivi imprenditoriali che si  intendono raggiungere

2.       valutare  le opportunità  di  mercato  per  il  proprio  prodotto  o  servizio e, quindi,  condurre  una  preliminare analisi  di  mercato  che  ne evidenzi  le potenzialità,  nonché la presenza e la  rilevanza dei concorrenti.

3.       valutare   se   la   propria   azienda   sia   idonea   ad  operare  sul   mercato cinese

4.       valutare  se  la  propria  azienda  sia  in  grado  di  individuare  nell’ambito del  proprio  organico  italiano  uno  o  più  soggetti  da  trasferire  in  Cina, oppure    se    sia    possibile    procedere   alla    formazione    di    soggetti appositamente  destinati ad operare  in Cina per proprio conto

5.       individuare  I’impostazione  più  adeguata  del  progetto  d’investimento, dal  punto  di  vista  giuridico,  fiscale,  finanziario  e  commerciale,  anche con  il  supporto  di  professionisti  italiani  che  dispongano  della  dovuta competenza

6.       valutare   la   tipologia   e   la   forma   dell’investimento   (costituzione   di società    con    o    senza    socio    cinese,     costituzione    di    ufficio    di rappresentanza,    impostazione    di    rapporti    contrattuali    di    natura commerciale,  creazione  di  una struttura  produttiva,  di trading,  ecc.).

7.       valutare   se  sia  o  meno  necessario  il  coinvolgimento   di  un  partner cinese

8.       condurre  opportune  verifiche  con  riguardo  all’affidabilità   del  partner cinese

9.       valutare  la  collocazione  territoriale  dell’investimento,   soprattutto  nel caso di  unità di  produzione

10.     ricercare   in   Italia   il   supporto   professionale   adeguato   (in   ambito commerciale,   legale,   fiscale,   finanziario,   contabile)   al  fine  di  avere l’assistenza  necessaria attraverso  il  percorso di  analisi  e verifica  sopra delineato,    considerando    l’opportunità    che    la    predetta    struttura professionale  sia  in  grado  di  seguire  I’investitore  anche  nella  fase  di attuazione  dell’investimento  direttamente  in  loco  per  mezzo di  propria struttura  presente in Cina

Di   seguito,   qualche   considerazione   di   massima   può   essere   poi   spesa   in relazione    ad    alcuni    elementi    fondamentali    nell’ambito    di    un    progetto d’investimento.

 Il  Partner ideale
Succede  che  in  molti  casi  I’investitore  per  ovvie  ragioni  (per  limiti  linguistici, diversità  culturale,  ecc.),  non sia  in grado  di  gestire  direttamente  l’avviamento dell’operazione   in  Cina  e,   nel  contempo,   miri  a  semplificare  il  percorso  e  a minimizzare  i  costi  di  investimento,   non  curando  in  modo  adeguato  l’analisi preliminare  di  fattibilità  sopra  citata  oppure  limitando  od  escludendo  la  ricerca di  confronto   e  supporto   da   parte  di   professionisti  o  strutture   adeguate  ad assisterlo.

In molti di questi  casi,  può avvenire che  l’investitore  decida  di affidarsi  in modo completo  all’eventuale  possibile socio  cinese  con  il quale  si  ritiene sia  stato  nel frattempo  instaurato  un  rapporto di  fiducia,  nella convinzione  che  questi  possa curare  adeguatamente  gli  interessi dell’investitore  italiano  nella  prospettiva  del costituendo rapporto associativo.

E’  chiaro  che  I’individuazione  del  partner ideale  può  risultare difficile  anche  nel caso  in  cui  si  tratti  di  soggetto  della  medesima  nazionalità  dell’investitore.  E’ però altrettanto  evidente  che  I’individuazione  di  un  partner  cinese,  ossia  di  un individuo   che   presenta   modalità   comportamentali   e   logiche   di   pensiero completamente    diverse   dalle   nostre,    debba    comportare   necessariamente un’indagine     più     approfondita     della     persona     e     del     suo     background imprenditoriale e sociale.
 
Soci  inadeguati sono  ovunque  nel  mondo e  spesso  la  parte  italiana  ha  dovuto, e  dovrà,  confrontarsi  con  partner  inaffidabili  anche  in  Cina;  è  pur  vero  che  in taluni  casi  è  stata   proprio  I’eccessiva   confidenza  da   parte  dell’imprenditore italiano,  confidenza  che  questi  non  si  sarebbe  molto  probabilmente  concesso nel gestire  i  propri affari  in Italia,  a  lasciare campo  libero al  partner cinese  per poterne approfittare a proprio esclusivo  beneficio.

Si  consideri  che  l’ordinamento  cinese  prevede  da  qualche  anno  la  possibilità per  gli  stranieri   di  attuare   un  investimento   in  Cina  a  capitale  interamente estero   (ossia   costituendo   una   società   a   responsabilità   limitata   senza   la partecipazione  di  un  partner  locale),  e  sempre  maggiore  è  il  ricorso  a  questa forma  d’investimento.
In alcuni  casi,  però,  la  presenza di  un  socio  cinese è comunque  essenziale  alla buona riuscita dell’investimento.

 Il    partner    locale,    infatti,    rappresenta    soprattutto    dal    punto    di    vista commerciale,   più  che  rispetto  alla   produzione  (che  fa   parte  del   know  how straniero),  la chiave d’accesso  al mercato cinese.

Laddove  il  coinvolgimento  del  soggetto  cinese  sia  imprescindibile,  sarà  quindi consigliabile   individuare   un  operatore   locale   strutturato   dal   punto  di   vista commerciale;   oppure,   se   si   tratta   di   un   partner   produttivo   in   un   settore omogeneo,   assicurarsi  che   il  prodotto  dello  stesso   sia   complementare   con quello del  partner  italiano  in  modo da  rendere entrambi i prodotti  più appetibili sul  mercato  senza  che  il  socio  cinese  abbia  interesse  ad  assorbire  la  capacità produttiva  dell’italiano;   oppure ancora,  nel caso  in cui  si tratti  di “imprenditore improvvisato”  (spesso,  molti  cinesi  che  hanno  accumulato  mezzi  finanziari  in altri ambiti,  si  propongono come soci finanziatori  per convogliare  dette  finanze
e,    possibilmente,    avviare    un’attività    imprenditoriale   grazie    aIIfessenziaIe contributo   straniero   di  tecnologia,   creandosi   così  un’attività   per   la   propria prospettiva  futura),  in  tal  caso  sarà  opportuno  riservare  al  partner  italiano  un potere  quanto  più  ampio  possibile  di  intervento  nella  gestione  dell’azienda  e dell’attività  produttiva  (ma anche commerciale).

 Il Luoqo per l’investimento  industriale
 
Altro  aspetto  importante,  soprattutto  per  la  collocazione  di  un’unità  produttiva,
è rappresentato dalla  localizzazione dell’investimento.

Sebbene  più  ci  si  allontani  dalla  linea  costiera  e  più  è  possibile  beneficiare  di bassi costi di  produzione,  di  manodopera,  di costruzione  o affitto di stabilimenti e di  diritti  d’uso  del terreno,  è pur vero  che  in tal  caso  minori sono  le garanzie di  trovare  una  manodopera  affidabile  (in  termini  di  qualifica  e  di  continuità  di presenza  –  in  molti  casi  si  tratta  di  gente  delle  campagne  circostanti  che  si fanno  assumere allo  scopo  di accumulare  nel giro di  pochi  mesi danaro  per  poi tornare    nel    villaggio    d’origine     abbandonando    il    posto    di    lavoro),     le infrastrutture   e   l’ambiente   possono   non   essere   adeguate   per   accogliere   il progetto   d’investimento    e   per   trattenere   il   personale   più   qualificato   (in particolare  quello  italiano)  che,  a  quel  punto,   si  trova  isolato  e  lontano  dai centri abitati che possono garantire  migliori condizioni di vita.

Oggi  la scelta  ottimale  ricade ancora sulla fascia  territoriale che si affaccia  sulla linea  costiera  orientale  e,   più  ancora,   sulle  zone  che  circondano  le  città  più importanti,    da   Shanghai   a   Suzhou,   Tianjin,    Guangzhou,    Dalian,   Xiamen, Ningbo,  ecc.,  attorno  ad  alcune  delle  quali  si  sono  sviluppati  i  più  importanti parchi industriali cinesi (gestiti direttamente dal governo centrale).

Quando   il   partner  cinese   è  presente,   potrà  sembrare   ottimale  collocare   il progetto  nella  zona  d’origine  del  partner stesso  onde  sfruttare  le  relazioni  che questi abbia  in essere  con  le autorità  locali del  luogo  in cui  questi  sia  radicato, soprattutto  nell’ottica  di sveltire  le procedure amministrative  previste  per legge per l’approvazione  del progetto d’investimento  e la costituzione della società.

Peraltro,   si  consideri   a  titolo  esemplificativo   che  nell’ambito   di  una  società compartecipata (la cd. joint  venture),  lo scioglimento  della  stessa  (così come la modifica dello statuto,  la fusione o  la scissione e  l’aumento  del capitale sociale) deve essere deliberato dal consiglio di amministrazione all’unanimità.

La  delibera  anzidetta  deve  poi  essere  sottoposta  al  vaglio  delle  autorità  che  in origine  sono  state  investite  dell’approvazione   del  progetto  di  investimento  e della  costituzione della società.

E’  evidente  che,   nel  caso  in  cui  sorga   un  disaccordo  tra   le  parti  in  merito all’ipotizzato  scioglimento  della  società,  quelle stesse  relazioni  preferenziali del partner   cinese    che    inizialmente    avevano    favorito    l’avvio    del    progetto, potrebbero    in   un   secondo   tempo   favorire    solamente   il    partner   locale, ritorcendosi contro I’investitore  italiano.

In tal  senso,  quindi,  non sempre  può  ritenersi ottimale  la scelta  di  localizzare  il progetto nell’orbita  dell’ambito  territoriale  dal quale il partner cinese proviene.
Il management italiano

Un  ulteriore  aspetto  di  notevole  importanza,   che  in  alcuni  casi  viene   però sottovalutato,  è  la  necessità  che  I’imprenditore  italiano  garantisca  in  Cina  una propria  presenza,  se  non  continuativa  almeno  periodica,  nonché  una  presenza italiana stabile  nell’ambito  del  management della  società  cinese,  importante ad assicurare  non  solo  il  controllo  delle  attività   ma  anche  il  criterio  e  l’ordine gestionale,  oltre che il ritmo di operatività,  propri della  nostra imprenditoria.

In alcuni casi,  soprattutto  per la tipologia  di  impresa tipica  in Italia  (imprese  di piccole-medie   dimensioni   e   a   struttura   familiare   e,   quindi,   con   una   forza manageriale talvolta  limitata  nel  numero e  poco  propensa  alla  delocalizzazione ma  più  votata  a  rimanere  in  Italia),  I’individuazione  della  persona  da  dedicare stabilmente  alla  realtà  aziendale creata  in  Cina  può  rappresentare  un  rilevante problema  per  I’investitore   italiano,  tale  da   arrivare  talvolta   a  dissuadere   lo stesso rispetto all’immediata  realizzabilità  del  progetto.

Del  resto,  la  presenza  dell’investitore  e del  proprio  personale italiano  di fiducia è  essenziale,  indipendentemente  dal  fatto  che  l’investimento  sia  realizzato  in Cina  piuttosto che  in qualsiasi  altro  luogo,  dal  momento che sempre  una  realtà aziendale     deve     sentire     al     proprio     interno     la     presenza     e     l’anima deIIfimprenditore.

Per  questo,   I’imprenditore   che   intenda   attuare   un   progetto   in   Cina   dovrà seriamente  valutare  l’aspetto  sopra  evidenziato,   eventualmente  individuando una  risorsa  ad  hoc da  formare  presso la  propria  impresa  in Italia e da  dedicare al progetto non appena  possibile.


La leqislazione

La situazione legislativa  impone a sua volta  alcune considerazioni.

Negli  ultimi  20  anni  la  Cina  ha  rivoluzionato  il  proprio  ordinamento  giuridico promulgando   numerosissime   leggi   in   ogni   ambito   del   diritto:   la   legge   sui contratti  è  del  1999,  la  legge  marchi  e  la  legge  brevetti  sono  del  2001,  tra  il
2000 ed il 2001 sono stati  rivisti i testi  normativi  in  materia  di joint  venture  tra cinesi e stranieri  e di società  a intero capitale straniero,  mentre tra  il 2005 ed il
2006 sono entrate  in vigore  le nuove leggi in materia  di società  commerciali,  di fallimento,  di acquisizioni e fusioni,  di energia  rinnovabile.

Peraltro,  ad  alcune  di  queste  normative,  per  lo  più  a  carattere  generale,  non sono seguiti  (ancora)  i regolamenti di attuazione  mentre in altri casi sono state emanate  circolari  amministrative  (alcune  pubblicate,  altre  a  carattere  interno alla    pubblica    amministrazione)    che    anziché    agevolarne    l’interpretazione pongono ostacoli  alla  loro efficace applicazione.

A  ciò  si  aggiunge  il  fatto  che  spesso  coloro  che  sono  chiamati  ad  applicare dette  leggi,   non  tanto  nell’ambito  di  un  contenzioso  ma  anche  e  a  maggior ragione    nell’ambito     di    un    procedimento    amministrativo     (come    quello dell’approvazione  della  costituzione  di  una  società  da  parte  di  un  investitore straniero),  sono  rappresentati  da funzionari  della  pubblica  amministrazione che difettano   di   preparazione   giuridica   e   culturale   idonea   a   gestire   in   modo coerente e continuativo il disposto  normativo.

La  stessa  cultura  giuridica  degli  operatori  del  diritto  in  Cina  è  ancora  in  alcuni casi  immatura;  anch’essi  devono confrontarsi  con  un quadro  legislativo recente ed  estremamente  dinamico  e  variabile,   disponendo  di  contro  di  un  vissuto assai giovane e,  quindi,  a tratti incerto.

Anche  per  tale   ragione  risulta  opportuno  per  l’investitore   italiano  avere  un riferimento  ed  un  sostegno  professionale  da  parte  di  strutture  che  integrino varie     professionalità     insieme,      beneficiando     dell’apporto      consulenziale dell’esperto   italiano  come  di  un  conforto  correttivo   rispetto  alle  attività  da svolgere  in Cina in relazione all’attuazione  dell’investimento.


Conclusioni

La   Cina   è   sicuramente    un’opportunità    che   va   colta   sulla   scorta   di   un approfondimento  adeguato  ed  un inquadramento quanto  più  possibile  puntuale di qualsiasi  progetto d’investimento.

La  spinta  imprenditoriale  di  coloro  che  hanno  costruito  il  tessuto  industriale  e commerciale  italiano  sicuramente  ben  si  può  collocare  in  questo  Paese  ma  a fronte  di un’indagine  che non può essere superficiale.

La   Cina   è   indubbiamente   proiettata   verso   una   sempre   maggiore   apertura legislativa  e  di  mercato  che  in  pochi  anni  le  permetterà  di  raggiungere  ed eguagliare   le   altre   nazioni   occidentali,    assicurando   a   tutti   gli   effetti   un
ambiente   adeguato   per   gli   investimenti   stranieri   sotto   il   profilo   sociale, economico e legale.

Nel   frattempo,   è   importante   indagare   tanto   in   merito   alle   opportunità   di investimento,   sicuramente   ampie,   quanto   in   merito   al   miglior   criterio   di approccio  a  questo  nuovo  mercato  e,  in  tal  senso,   l’apporto   consulenziale  e professionale  potrà   giocare   un  ruolo  fondamentale   nell’inquadramento   delle modalità  di tale avvicinamento alla Cina.

Read Full Post »

Food &Fashion

cibo cineseIl  desiderio  dei  cinesi  di  eguagliare  il  nostro  livello  e  stile  di  vita  sta  rendendo molto interessante la prospettiva di sviluppo  dei settori  legati all’abbigliamento, al  food  ed  al  design,  nel  limite  in  cui  sia  conferita  all’iniziativa   imprenditoriale una forte connotazione italiana o europea,  in modo da  rendere unico il prodotto ed  al  fine  di  permettere  al  cliente  cinese  di  potersi  distinguere  dagli  altri  nella scelta  compiuta.

In tutti  i centri  commerciali a vocazione  internazionale  visitati  a  Shanghai,  non è  inconsueto  notare  una  scarsa  affluenza  di  persone:  i  più  curiosano  ma  in pochi acquistano.

Eppure,  tutte  le  nostre  grandi  firme  italiane  dell’abbigliamento   e  del  design sono  già  presenti da  qualche  tempo,  in alcuni casi con  più di  un  punto vendita, di    sicuro    con    una    finalità    legata    alla    promozione    dell’immagine    ma inevitabilmente  come   presenza   stabile   pronta   a  raccogliere   la  domanda   di mercato che ben presto avanzerà.

A  conferma  di  ciò  sta  il  fatto  che  sempre  maggiore  è  lo  sviluppo  di  operazioni correlate  all’abbigliamento,  come  la  creazione  di  nuovi centri  commerciali  (che si  aggiungono  ai  tanti  già  presenti),   la  realizzazione  dei  centri  outlet  (solo  a Shanghai  ne stanno  nascendo  tre),  quegli  stessi  fashion  outlets  di  derivazione statunitense che soltanto in anni recenti sono stati  introdotti in Italia.

Altro  settore  di  interesse  è  rappresentato  dalla  ristorazione.  Molti  sono  già  i ristoranti  e  le  pizzerie,  i  coffee-shop  e  le  gelaterie  italiani,  oppure  all’italiana, aperti in Cina  ma  lo spazio  per altri non manca.

Se  da  un  lato  i  Cinesi  sono  grandi  bevitori  di  the  e  non  sono  amanti  dei  cibi freddi,  nella  maggior parte dei casi,  pur di seguire il trend di vita  occidentale gli stessi si adattano  a bere caffè (siano questi caffè espresso oppure beveroni che ne   ricordano   il  sapore),   a   mangiare   coppe   gelato  anche   durante   l’inverno nonostante  la  scarsa   propensione  per  i  prodotti  a  base  di  latte,   oppure  ad utilizzare forchetta  e  coltello  rinunciando alle  bacchette che  rappresentano non solo uno strumento per cibarsi  ma,  per i cinesi,  anche  uno stile di vita.

Non  importa  quindi  che  piaccia,   l’importante  è  che  sia  trendy;   più  eclatanti sono  i  casi  rappresentati  dalle  catene  Starbucks,  per  le  caffetterie,  e  Haagen Dasz,   per  le  gelaterie,   piuttosto  che   Papa  John’s   e  Pizza  Hut  per  uno  dei prodotti  più  importanti  di  casa   nostra  come  la  pizza.  Ciò,   in  ogni  caso,   a significare   il  desiderio   di   identificazione   della   popolazione  cinese  con   i   più classici stereotipi  internazionali.

Questi,  ovviamente,  sono tutti fenomeni  che si riscontrano principalmente  nelle grandi  città   cinesi   della  costa  orientale;   peraltro,   poche  città   come  queste raccolgono  da  sole  decine  di  milioni  di  abitanti  e,  quindi,  un  mercato degno  di essere  chiamato  tale  e,  in  ogni  caso,  destinato  ad  aumentare  con  la  crescita demografica  dei centri urbani costieri a discapito  delle aree agricole  interne.

Un   po’    debole    al    momento   sembra    la    presenza   di    vini    italiani   forse caratterizzata  da  iniziative troppo  isolate  e  non  sufficientemente  strutturate,  o supportate  come  importazione  e  distribuzione,   per  contrastare  quella  che  al contrario  è  la  forte  presenza  di  marchi  francesi,   oltre  a  quelli  australiani  ed americani nonché degli stessi cinesi.

Automotive
Un  popolo  che  fino  a  poco  tempo  viaggiava   in  bicicletta  ora   può  accedere all’automobile   privata  ed  il  mercato  dell’automotive,   per  mezzo  di  costruttori stranieri  e  ancora  più  di  quelli  cinesi,   sta  compiendo  un  percorso  di  grande espansione.
Questa  espansione,  naturalmente,  accompagna  altresì  tutto  l’indotto  collegato all’industria   automobilistica  e  tanti  degli  operatori  di  settore  italiani,   quindi, potrebbero   ricercare   un’opportunità   di   investimento   nel   ramo  in  questione, nonché  in  quelli  collegati,  sia  mediante  la  realizzazione di  unità  produttive che come  sviluppo  di  reti  di  fornitori  e  sub-fornitori  per  I’approvvigionamento,   in favore   delle   proprie  imprese  in  Italia,   di  componentistica  ed  esecuzione  di lavorazioni particolari.

Energia
Altro ambito in fase di sviluppo è quello relativo al settore dell’energia prodotta da fonti rinnovabili (inquadrati nel Protocollo di Kyoto e nel Programma di Cooperazione Sino-Italiana per la Protezione dell’ambiente), con progetti incoraggiati a livello statale in quanto in grado di portare alla Cina molteplici benefici,tra cui appunto la produzione di maggiore quantità di energia, la diminuzione dell’inquinamento (dal momento che l’utilizzo di fonti alternative permette un minore sfruttamento del carbone, per ora ampiamente impiegato in Cina), nonché un più efficace smaltimento di tutti i materiali classificabili come fonti rinnovabili.

Read Full Post »

Older Posts »